Warning: Declaration of TCB_Menu_Walker::walk($elements, $max_depth) should be compatible with Walker::walk($elements, $max_depth, ...$args) in /home/ristrut1/public_html/wp-content/plugins/thrive-visual-editor/inc/classes/class-tcb-menu-walker.php on line 0
7 elementi per ristrutturazione senza tensione - Ristrutturazione senza tensione

Prima che non sia troppo tardi...scopri i 7 elementi ESSENZIALI per una ristrutturazione senza tensione

Clicca il bottone Scaricalo Ora per ottenere il tuo Report Gratuito

arrow-down
Accetto le condizioni di Privacy Policy

Leggi la testimonianza di Lorenzo...e scopri a cosa puoi andare incontro.

Ciao sono Lorenzo


Ho chiamato Emanuele e Dario a seguito dei continui problemi con l’azienda di costruzione a cui avevo affidato i lavori.


A novembre 2018 ho deciso insieme a mia moglie di acquistare casa nuova e nel momento della trattativa abbiamo integrato la parte nuova con una parte “al grezzo”.


La “promessa” da parte della società venditrice (impresa di costruzioni) è stata quella di concludere i lavori entro 60 gg dalla data del rogito, che era fissata al 30/04/19.


Per quanto riguarda la parte grezzo, la società si era impegnata nel supportarci per fornirci il completamento dei lavori e quindi la possibilità di unire le due strutture per unire i 2 appartamenti in 1 solo.


Sta di fatto che ci hanno inondato di richieste e di domande “tecniche”, di cui ignoravamo completamente il significato, chiedendo a noi delle risposte che non potevamo fornire non sapendo né di cosa si stesse parlando, né avendo la capacità tecnica per valutare se una scelta era la migliore o la peggiore.


A questo punto partono le sorprese: devono partire i lavori nella parte grezza e ci chiedono come avevamo intenzione di fare per costruire i muri divisori – cosa che credevamo inclusa nel preventivo che ci avevano già fatto (circa 20k€) e che avevamo già firmato per il completamento della parte al grezzo – e che loro non sapendo a chi avremmo dato il lavoro, avrebbero aspettato ns indicazioni.


Noi, molto sorpresi ma comunque fiduciosi nell’onestà dall’altra parte, ci siamo fatti quotare i muri divisori – che per un appartamento da 100 m2 corrispondono circa a 185 m2 compresi i muri perimetrali – per un totale di circa 12k€ per cartongesso lastra singola non isolato con lana di roccia.


 A questo punto abbiamo chiesto di inserire anche la lana di roccia e ci hanno quotato circa 4000€ sopra. Totale: 16k€ per 185 m2 in cartongesso ancora in fase di cantiere con operai e autorizzazioni già presenti in loco per svolgere i lavori. A questo punto, la cosa ha iniziato ad insospettirci: ecco che ho chiamato prontamente Emanuele e Dario per avere un loro consiglio.


Il risultato è stato che non solo il costo era completamente fuori mercato ma che non era nemmeno necessario tutta quella lana di roccia nei tramezzi (che per di più ha un costo ridicolo).


Detto ciò, abbiamo deciso di procedere con ristrutturazione puntuale per la sola parte di cartongessi, ma dato che tenevano ai nostri interessi, ci hanno consigliato di fare ulteriori domande tecniche su impianti e materiali utilizzati.


Ne è venuto fuori un quadro sempre meno chiaro e sempre più nebuloso, con approssimazioni, cose non scritte che cambiano al cambiare del tempo, poca trasparenza e costi assurdi.


Parlando con Dario ed Emanuele fin dall’inizio tutto mi è sembrato chiaro. Ci hanno aiutato sotto il punto di vista tecnico e progettuale, hanno risposto alle nostre domande in modo chiaro ed esaustivo e ci hanno supportato nella trattativa con l’impresa.


Alcune volte ci sono sembrati troppo cauti e prudenti, ma con il se no di poi, abbiamo capito il perché.
Mi hanno spiegato in dettaglio ogni aspetto dei lavori di ristrutturazione, dal contratto al preventivo.
Ci troviamo quindi a fine maggio, siamo andati in umbria a passare un weekend fuori porta, per scaricare lo stress accumulato nei mesi passati. “Oramai ci siamo”, pensavamo.

 

“Ormai il peggio è passato”, abbiamo detto. “preparatevi per l’inaugurazione”, abbiamo comunicato a tutti i nostri amici.


Tutto sbagliato.


La domenica mattina, l’impresa ci manda un email comunicandoci che non ha più intenzione di proseguire i lavori di completamento della parte grezza e che ci saremmo dovuti arrangiare in tutto e per tutto.


È stato possibile per loro annullare, perché non c’era un vero e proprio contratto di lavoro, con penali da pagare su ritardi o annullamento del lavoro da parte di una delle due parti.


Di punto in bianco ci siamo trovati a dover cercare tutte le manovalanze necessarie al
completamento della casa. Per fortuna il team di ristrutturazione puntuale ci è venuto in soccorso e ci ha supportato in tutte le scelte come se fosse casa loro.


Oggi, ad 1 mese e mezzo dall’ingresso, sappiamo che la parte al grezzo probabilmente rimarrà al grezzo fino a settembre e che se non ci fossero stati Emanuele e Dario, probabilmente i lavori fatti sarebbero stati di scarsa qualità e ne avremmo pagato le conseguenze nel corso degli anni a venire.


Se solo avessi saputo prima tutto quello che mi hanno mostrato Emanuele e Dario, sicuramente la mia scelta sarebbe stata differente e di sicuro avrei risparmiato un sacco di tempo e stress inutile.

Accetto le condizioni di Privacy Policy

© Copyright di Ristrutturazione Puntuale S.r.l.